Ultimi Eventi

Presentazione DOMO BORGO MILLENARIO
Immagine

Venerdì 26 maggio alle ore 17:45 presso il Teatro Galletti di Domodossola Presentazione del libro: DOMO BORGO MILLENARIO di ENRICO RIZZI    

 

 

Pizzo Pernice-Monte Todano-Alpe Curgei | Stampa |
Scritto da Gianpaolo Fabbri   

 

GITA N. 3

PIZZO PERNICE – MONTE TODANO – ALPE CURGEI

19 DICEMBRE 2013

Dislivello: 900 m. Tempo di salita: 3 ore. Tempo totale: 4 h 30’

Non par vero che per tre giovedì consecutivi il tempo sia stato bello. Non ci siamo, quindi, illusi che il sole ci sorrida nell’ultima gita ufficiale dell’anno, la cinquantaduesima. Ed è così che il 19 dicembre, come da previsioni, piove e nevica, ma ci vuol altro per fermarci. Onorati della presenza del Presidente (75 ben portati) e della giovane dottoressa (una delle poche signore del gruppo, perdipiù non pensionata), ci concediamo un caffè a Miazzina, sperando che, nel frattempo, la pioggia conceda una pausa. Infatti, poco dopo, si trasforma in neve, ben più gradita. Sopra l’Alpe Pala il Memoriale degli Alpini ricorda gli eroi morti in maledette guerre. Posteggiamo qui le auto, a quota 1000 circa. Subito giacche a vento, copri-zaino ed ombrelli. S’imbocca il bel sentiero, per evitare la strada gelata, e si raggiunge rapidamente la Cappella Fina a quota 1102. Si prosegue per l’alpe Cavallotti (1216), dove il sentiero diventa più ripido, fino alla splendida dorsale, molto panoramica in giornate migliori, che separa il cuore della Valgrande dalla conca del lago Maggiore. La si percorre in direzione nord-est, raggiungendo in pochi minuti la vetta del Pizzo Pernice (1506). Fino a qui 1 ora e 35’. Il nostro meteorologo consigliava le ciaspole e, quindi, le abbiamo lasciate sulle auto. In effetti, la nevicata ci concederà due ore di tregua, fino al rifugio, mentre la neve “vecchia” porta abbastanza bene. Dal Pizzo Pernice si perdono circa 100 metri di quota e si arriva alla bocchetta di Curgei. Si prosegue, prima in piano, poi con dolce salita, fino al vecchio rifugio e alla cappella di Pian Cavallone (1564). Breve ristoro al riparo della cappella e ultimo strappo fino alla vetta del Monte Todano (1667), sempre nella nebbia, ma, almeno, non sta nevicando. Fino a qui 3 ore, pause comprese, e 800 m di dislivello totale. Non perdiamo tempo a goderci lo splendido panorama, oggi in sciopero, e, dopo le foto di rito, ritorniamo verso la bocchetta di Curgei. Qui si devia a destra e in dieci minuti, attraversando in leggera discesa un bel bosco di faggi ben innevato (esposto a nord), si raggiunge l’alpe Curgei e l’omonimo rifugio, detto anche Bivacco del Gufo (1350 m, 45’ dal Todano). Questo comodo rifugio, di proprietà della Pro Loco di Miazzina, è un raro esempio di come dovrebbero essere anche tutti gli altri: sempre aperto, ben tenuto e fino ad ora, spero, anche rispettato da chi frequenta queste zone. Nella vicina Confederazione sono tutti così, mentre in Italia, per colpa di una piccola minoranza di incivili, spesso non è possibile che i rifugi incustoditi siano sempre aperti. Noi, che siamo un gruppo di veri amanti della montagna, lo lasceremo perfettamente pulito ed in ordine, contribuendo anche, com’è ovvio, alle spese di gestione. Oltre alla montagna, amiamo anche il buon cibo e gustiamo moltissimo l’ottimo risotto con funghi che il nostro grande cuoco, insieme a due prestigiosi aiutanti, ci ha preparato, rinunciando a parte dell’escursione. I funghi sono procurati dal cercatore professionista del gruppo, che li ha raccolti durante le gite autunnali. Mentre pranziamo riprende a nevicare ed apprezziamo ancor di più il caldo ed il cibo. Dopo due ore di totale ed allegro relax risaliamo pigramente alla bocchetta di Curgei, sotto una tranquilla nevicata (50 m di dislivello a pancia piena!), e di qui scendiamo alle auto lungo il sentiero più diretto in 1 ora 30’. Un po’ di neve fresca ed il ghiaccio sottostante richiedono la giusta attenzione, perché sappiamo tutti che è più facile farsi male nei posti facili, soprattutto d’inverno. Tutto bene e ripartiamo verso casa, mentre la neve si trasforma in pioggia.

 
 
 
       

 

Joomla Templates by Joomlashack