Ultimi Eventi

Presentazione DOMO BORGO MILLENARIO
Immagine

Venerdì 26 maggio alle ore 17:45 presso il Teatro Galletti di Domodossola Presentazione del libro: DOMO BORGO MILLENARIO di ENRICO RIZZI    

 

 

Giorgio Spezia: il primo e unico ossolano presidente del Club Alpino Italiano | Stampa |
Scritto da Paolo Crosa Lenz   

Ricorre quest’anno il centenario della morte di Giorgio Spezia (1842 – 1911), eminente figura di scienziato ossolano dell’Ottocento, patriota e alpinista. La ricorrenza è occasione per rivalutarne la figura e farne conoscere i valori.

Figlio di Valentino e Marietta Angelotti (la famiglia aveva interessi nelle miniere d’oro di Macugnaga), nel 1867 conseguì la laurea in ingegneria a Torino con una tesi intitolata “Cenni sulla ventilazione delle miniere”. In quegli anni effettuò scandagli per delineare i fondali del lago di Mergozzo e studiò le cause degli avallamenti nel Lago Maggiore.

Prima ancora, a 18 anni, nell’estate 1860 si imbarcò come volontario garibaldino per la terza spedizione di rinforzo ai “Mille” guidata dal generale Enrico Cosenz e combatté nella decisiva battaglia del Volturno.

Si specializzò in mineralogia a Göttingen e a Berlino e nel 1878 divenne professore ordinario di Mineralogia all’Università di Torino, cattedra che tenne per trentatré anni, sino alla morte. Fu un pioniere nella scienza dei materiali: l’approccio sperimentale lo portò a realizzare il prototipo della cosiddetta “bomba idrotermale” con la quale (ancora oggi), imitando i processi naturali, si ottengono cristalli di quarzo. Accademico dei Lincei e membro di molte società scientifiche (tra cui la Società Imperiale di Mineralogia di Mosca), fu il fondatore del museo di mineralogia del Politecnico di Torino (il primo in Italia).

Appassionato alpinista, percorse a lungo i monti dell’Ossola con spirito esplorativo. Fu primo presidente della sezione di Domodossola del CAI, promotore dalla Società Escursionisti Ossolani di Piedimulera (1899), fu l’unico ossolano a ricoprire le cariche di vicepresidente e poi di presidente generale del Club Alpino Italiano nel 1875 – 76 (il quarto dalla fondazione).

Fu autore del primo progetto della capanna “E. Sella” al Weissthor sul Monte Rosa e collaborò con Giovanni Leoni (il poeta dialettale “Torototela”) nella costruzione del rifugio sul Monte Cistella (1901). Fu autore di una “Carta itineraria delle principali escursioni nelle valli dell’Ossola” (1889) e collaborò alla stesura della prima “Guida storico-descrittiva ed itineraria dell’Ossola e sue adiacenze” (1888).

Partecipò attivamente alla vita amministrativa dell’Ossola: prima a Piedimulera come consigliere comunale poi come consigliere provinciale. Nel 1898 si impegnò a favore della linea ferrata Domodossola - Locarno.

Nel 1906 Giorgio Spezia si impegnò per evitare che la Cascata della Toce fosse prosciugata a fini idroelettrici. Il suo intervento si delineò tuttavia “… non come opposizione all’industrializzazione, ma come esempio di una cultura sensibile alla protezione del patrimonio naturale ed era finalizzato criticamente a mettere in guardia la classe politica dalle facili concessioni”. (U. Chiaramonte Industrializzazione e movimento operaio in Val d’Ossola). A cent’anni di distanza, un tema di pregnante attualità.

A Giorgio Spezia è intitolato il liceo scientifico statale di Domodossola, il museo dell’Istituto di Mineralogia, Cristallografia e Geochimica dell’Università di Torino, a Piedimulera la locale scuola primaria, una piazza e la Lithoteca nel palazzo Protasi.

Giorgio Spezia fu “… uno dei più grandi ossolani di tutti i tempi per l’ingegno portentoso e i riconoscimenti ottenuti in Italia e all’estero in campo scientifico, dove lasciò, come insegnante universitario e come studioso, un’opera indelebile, soprattutto nel ramo mineralogico”. (R. Mortarotti Storia dell’Ossola nell’età moderna).

Nel 1961, il cinquantenario della morte passò inosservato. Oggi, che l’Ossola e l’Italia hanno sempre più bisogno di figure di alta rettitudine etica, il contributo di Giorgio Spezia si delinea nitido nel dipanarsi della storia nazionale. A noi l’impegno di conservarne grata la memoria.

 
 
 
       

 

Joomla Templates by Joomlashack